Skip to content

noo, il meme nooo!!

22 settembre 2007

Maurice mi ha coinvolto in un meme. Le regole sono semplici : bisogna parlare di otto fatti a caso che riguardino se stessi in un post dedicato, scegliere altre otto persone da taggare e dire loro che sono taggate (e, ovviamente, ricordarsi di postare le regole!). Mi sono ripromessa di farli sempre i meme, tutti quelli che mi arrivano, perche è la rete, bellezza. Però, siccome proprio non posso fare a meno di distinguermi – e perchè il tema è un po’ troppo autoreferenziale per le mie corde – ci metto del mio e che siano almeno otto cose otto che hanno a che fare col gusto. Insomma, cibo, vino e affini.

  1. La fermentazione. Ho una passione sfrenata per gli odori di tutto ciò che è fermentato. I lieviti mi danno alla testa. Soprattutto quelli dello champagne, ma anche quelli del pane, dei sigari, del formaggio, dei salumi stagionati. Volendo anche quelli del letame – sempre che sia stagionato, s’intende.

  2. Le ostriche. Le ho assaggiate la prima volta qualche anno fa, superando dopo tanto tempo la ripugnanza che il mollusco crudo mi aveva sempre ispirato. Mi sono persa qualcosa.

  3. I sigari. Gli Avana sono un’acquisizione più o meno dello stesso periodo. Ho scoperto un universo di odori e sapori nuovi. Ero letteralmente impazzita, fumavo in continuazione robe sempre diverse, marche, formati, eccitata provavo tutto. Il toscano non mi è piaciuto, uno stile di fumata completamente diverso, troppo secco e nervoso. Vuoi mettere un cubano, morbido e profumato…la mia marca preferita? Partagas. Fumando/las penas van pasando/y si fuma Partagas/nunca las tendras, recitava uno slogan degli anni Trenta.

  4. Una volta ero astemia. Da non crederci, eppure…La marcia di avvicinamento alle bevande alcoliche iniziò a ventidue anni, durante un viaggio a Praga, prima che cadesse il Muro. E birra fu. Ricordo delle schiume alte tre dita tanto spesse da sembrare panna, e che restavano tutte lì anche quando avevi finito di bere. Con il vino ruppi il ghiaccio quanche anno più tardi, quando a Vernazza furoreggiava il calicetto di Cinqueterre a qualunque ora del giorno e della notte.

  5. La ricotta calda. Mica tanto buona. Il vecchio Vincenzo De Juliis una volta me la diede tirandola su dal pentolone. A me il latte caldo dà la nausea, figurarsi. Però una volta fredda e riposata…

  6. Pizza e mortadella. Un must romano che è il mio trash food preferito. Ogni tanto ci faccio pranzo.

  7. La toma valdostana. Quell’estate andammo in montagna. Dopo la meravigliosa scarpinata fino al rifugio Vittorio Emanuele ci rifocillammo e io – anni 14 – ordinai del formaggio. Aveva un odore così forte che non riuscii a mangiarlo. Oggi saprei ben apprezzarlo! Mi resta il ricordo di quell’odore sconvolgente.

  8. Madri e minestroni. Avrò avuto quattro anni o poco più.  A pranzo c’era il minestrone, che io detestavo. Mia madre aveva deciso però che quel giorno lo dovevo mangiare. Così arrivammo al pomeriggio inoltrato davanti a un piatto di minestra, noi due, all’angolo del tavolo verde della camera da pranzo. Fu mia madre a stancarsi per prima.

Nomino per proseguire:

  1. Vittorio

  2. Fiorenzo

  3. Roberto

  4. Barbara

  5. Lajules

  6. Loste

  7. Jacopo

  8. Stratex

Advertisements
6 commenti leave one →
  1. 22 settembre 2007 2:44 pm

    Ma come, mi citi fra le “vittime” del meme e non sono neanche fra i tuoi link???
    Pensavo ti avessero detto che sono moooolto permaloso!
    Bentornata :)

  2. 24 settembre 2007 11:28 am

    Ciao Maruzzella!

    L’assenza la giustifico con il mio lavoro, che mi tiene al computer 10 ore al giorno e nei weekend.

    Adesso pero’ sono in vacanza in Italia per un paio di settimane e cercherò di lavorare a questo meme.

    E tornerò a scrivere su DeadChef! Poi da Gennaio MOLLO TUTTO e ti inonderò di messaggi (ed Aprile di capiterò in ristorante!!).

    Un bacione,

    Lajules

  3. 24 settembre 2007 4:21 pm

    AAAArghh!
    L’hai detto… e l’hai fatto!
    Cattiva! Sai che non posso rifiutare un tuo invito.
    Stavolta credo che non potrò scamparla!

  4. 24 settembre 2007 5:44 pm

    Detto fatto, da questa mattina il meme è pubblicato anche su esalazioni etiliche.
    Ciao Maruzzella!

  5. 25 settembre 2007 3:26 pm

    Ce l’hai un email? (domanda retorica che sottintende: perchè non me la mandi?)

  6. 4 ottobre 2007 10:28 am

    Grazie dell’invito. Appena posso mi dedico anche io…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: